7 miti di bellezza da sfatare

Nel mondo della bellezza e dello skincare, esistono molte "regole" non scritte che tendiamo a seguire ogni giorno ad occhi chiusi. Ma come possiamo distinguere quelle vere dalle semplici leggende? Ecco per voi smentiti alcuni tra i miti di bellezza più comuni!


MITO #1: Mai utilizzare prodotti oleosi sulla pelle grassa.

Se hai la pelle grassa o mista può sembrare controproducente aggiungere "più olio", ma se scegli i prodotti oleosi giusti, questi possono addirittura aiutare a calmare congestioni e a riequilibrare la pelle. Spesso il motivo per cui la nostra pelle appare più grassa del normale, producendo più sebo e imperfezioni, è per via di un meccanismo di difesa contro la mancanza di idratazione della pelle!


MITO #2: La crema contorno occhi va applicata come ultimo step della beauty routine.

Se applichi la crema per gli occhi alla fine della tua routine, c'è una buona probabilità che i trattamenti che hai applicato negli step precedenti, come la crema, siero o olio, siano già penetrati nella delicata zona del contorno occhi e che abbiano creato una barriera che impedisce alla crema contorno occhi di fare il suo lavoro. Prodotti pesanti non specifici possono anche rendere la zona gonfia e oleosa: quindi consigliamo di applicare un prodotto specifico per il contorno occhi subito dopo la pulizia del viso per nutrire l'area e fermare tutto ciò che non dovrebbe penetrare.

MITO #3: Le pelli sensibili non tollerano prodotti che contengono acidi.

Gli acidi potrebbero sembrare spaventosi soprattutto per chi ha la pelle sensibile, ma la tecnologia più recente assicura che anche potenti ingredienti acidi possano essere utilizzati in modo del tutto sicuro, anche sulle pelli più sensibili, per ottenere grandi risultati senza irritazione.


MITO #4: Le sostanze indicate alla fine della lista degli ingredienti (INCI) sono inefficienti.

Non è detto! Esistono infatti sostanze funzionali che sono estremamente efficaci quando sono a basso dosaggio, per questo appaiono alla fine dell'INCI.


MITO #5: Farsi una lampada è utile per prevenire scottature e preparare la pelle all’esposizione solare.

Abbronzarsi in questo modo non protegge affatto. Anzi. Le lampade non solo possono causare irritazioni, eritemi e arrossamenti simili a quelli provocati dal sole, ma favoriscono anche l'invecchiamento della pelle a causa della forte esposizione ai raggi UV.


MITO #6: L’abbronzatura elimina l’acne.

L’abbronzatura crea solo una semplice illusione poiché mimetizza l’acne. L'effetto di miglioramento generale lo si deve al colore scuro dell'abbronzatura che maschera le imperfezioni, dando un effetto estetico della pelle più bello. In realtà, il sole aumenta l'ispessimento dello strato più esterno della pelle causando, con il tempo, la produzione di imperfezioni e punti neri.


MITO #7: Se metto un prodotto di bellezza in frigo durerà di più.

Spesso consideriamo che i nostri cosmetici - sia skincare che makeup - siano eterni: purtroppo non è così, tutti i prodotti hanno una data di scadenza. Sicuramente una buona abitudine è quella di tenerli lontani di forti fonti di calore per non alterare la loro composizione. Ma, allo stesso tempo, tenerli in frigo non aiuterà a prolungare la loro durata.


RIMANI INFORMATO

Iscriviti alla newsletter!

arrow&v

Dichiaro di avere compiuto sedici anni, e se minore di sedici, di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale, pertanto acconsento al trattamento dei miei dati personali così come indicato nella Privacy Policy

Dichiaro di aver compiuto sedici anni e, se minore, di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale, pertanto acconsento al trattamento dei miei dati personali (Privacy Policy) Per l’inoltro della newsletter, le comunicazioni via telefono (sms, WhatsApp, telefonata vocale)

0